Giovanili

Grande partecipazione per il nuovo progetto giovanile dei quartieri cittadini

Scritto da Federico Formisano

 

Pedezzi San Bortolo Laghetto, calcio giovanile ed etica sportiva

Nasce un nuovo polo in città. Grande festa alla Baita in Strada Saviabona, sede della Polisportiva Pedezzi, dove è stato presentato  il nuovo progetto nato in queste settimane che legherà a partire dalla prossima stagione sportiva le realtà calcistiche della zona nord del capoluogo berico. L’unione delle forze delle due realtà, indirizzate soprattutto all’attività di base, crea una nuova e promettente sinergia nel percorso ludico, educativo e sportivo di alta qualità per i bambini e i ragazzi della città. La Polisportiva Pedezzi, fondata nel 1950 e attualmente la più antica società cittadina in attività (la prima società fu la Fiamma, fondata nel 1947), da sempre abbina alla pratica sportiva un percorso educativo e formativo nei confronti dei piccoli atleti; detta filosofia, in questi ultimi anni, ha qualche volta pagato dazio in termini di risultati sportivi, ma ha favorito l’inclusione e la crescita personale di tanti bambini.

Giorgio Bigi, il prof. Marchezzolo, Brigo e Denis Bigi

Il San Bortolo Laghetto apporterà uno staff dirigenziale giovane ed entusiasta e alcuni gruppi di giovani calciatori, già protagonisti nei loro rispettivi campionati, guidati da allenatori preparati e pronti ad affrontare questa nuova avventura. Per la stagione sportiva che inizierà il prossimo settembre, tutti i ragazzi verranno tesserati dalla Polisportiva Pedezzi; i gruppi andranno da “primi calci” a pulcini, esordienti e giovanissimi. Il primo obiettivo condiviso (oltre agli sperati risultati sportivi) sarà vincere la Coppa Disciplina, che premia le Società che si distinguono per fairplay, correttezza e sportività. Per la stagione successiva 2021/22 è invece prevista la ridenominazione della nuova realtà formata dalle due Associazioni Sportive con un nuovo logo.

Le strutture a disposizione saranno tre, una in sintetico in Strada Saviabona e due in erba a Sant’Andrea e a Laghetto; quest’ultima è stata concessa in gestione con un bando del Comune di Vicenza ed è in fase di manutenzione straordinaria di campo, tribune e spogliatoi, grazie all’Amministrazione e ai volontari delle Associazioni sportive coinvolte nel progetto. All’ultimazione dei lavori, che coinciderà con l’inaugurazione del rinato campo sportivo, verrà dedicato un momento di festa nei prossimi mesi.

Primo appuntamento sportivo della nuova stagione sarà il camp a Jesolo di settembre, un appuntamento ormai consolidato di tre giorni per iniziare la preparazione, conoscersi, divertirsi e stare insieme sempre col binomio “etica e sport”.

L’iniziativa è stata presentata da Giorgio Bigi, storico dirigente del San Bortolo e del Leodari, ed ora nuovo presidente del San Bortolo Laghetto. Con lui Denis Bigi che ha appoggiato in pieno le idee del padre e Giancarlo Brigo che è il responsabile del settore giovanile della società.

Nella nuova realtà che conta di organizzare nel prossimo campionato (sotto le egide della Pedezzi) due formazioni di Giovanissimi, una delle quali sarà guidato da Agostino Toniolo, ex mister di Maddalene e San Paolo e da qualche anno nel settore giovanile della Telemar, due gormazioni di Esordienti con mister Castegnaro e due di pulcini con mister Guzzonato.

Siamo stati presenti a questa conferenza stampa e abbiamo ricavato l’impressione che i quartieri di Laghetto, San Bortolo e Saviabona abbiano reagito molto positivamente all’iniziativa delle due società: molto nutrita la presenza di genitori e grande interesse per le notizie comunicate con un immediato riscontro nella partecipazione ai camp.

 

Sull'Autore

Federico Formisano