Promozione

Monteviale: energie nuove dalla panchina stendono il Rivereel

Scritto da Antonio Martinello

Sitland Rivereel 2005 – Monteviale 1-2

 

SITLAND RIVEREEL 2005: Polo, Bartoletti, Scotton, Abazaj (dal 84’ Sabri), Fiorentini, Corso, Basso, Maistrello, Faggionato (dal 88’ Alberti), Lunardi, Feltrin (dal 68’ Palin) Allenatore: Matrullo

Rivereel

MONTEVIALE: Aspergh, Carrassi, Frizzo, Casolin, Morellato, Perucca, Talli (dal 46’ Marazia), Crestani (dal 77’ Breschigliaro), Marzari (dal 80’ Porcellato), Fortunato (dal 46’ Erba), Carmucci (dal 65’ Maiova). Allenatore: Lazzaron

Monteviale

Arbitro: Enrico Celegato di Mestre  Collaboratori: Nicolo’ Zausa di Padova & Nicolò Preve di Bassano del Grappa

la terna arbitrale con l’arbitro  Celegato di Mestre

Reti: Feltrin al 48’ p.t. (SR) Marazia al 5’ e al 70’ s.t. (MV)

Bella parata di Aspergh

Dopo la consueta sosta pasquale, riprende il campionato con le ultime quattro giornate in programma, i punti a disposizione di domenica in domenica si riducono drasticamente, pertanto chi deve raggiungere il proprio obiettivo ha l’imperativo di cogliere il risultato pieno. La gara in programma oggi tra il Rivereel e il Monteviale non si discosta da questo canovaccio. I padroni di casa in graduatoria con 17 punti sono alla disperata ricerca di una vittoria per migliorare la propria posizione e se non trovare la salvezza diretta, almeno migliorare quel 12° posto in classifica in vista della disputa dei Play-out. L’avversaria, il Monteviale di punti ne dispone 27, occupa una posizione molto più tranquilla, ma anch’esso onde evitare sorprese dietro l’angolo vuole cogliere il prima possibile la salvezza matematica per poi giocare le ultime gare con la mente sgombra da preoccupazioni.

Carassi manda alto di poco

Con questi presupposti la gara vive di un Rivereel più intraprendente, infatti il tecnico di casa Matrullo ha proposto uno schieramento molto offensivo con tre punte, gli risponde mister Lazzaron con ormai il consueto modulo a due punte.

La partita inizia con le due squadre molto contratte dove il giro palla difensivo è il motivo principale dei primi minuti, nessuno delle due contendenti vuole scoprirsi con il risultato che non si vedono giocate adatte a scardinare lo 0 a 0 iniziale. Con il passare dei minuti sono i padroni di casa che cominciano a osare di più e in più occasioni dal 25’ al 35’ impensieriscono la difesa ospite.

Prima Feltrin gran tiro che Aspergh devia in angolo, poi Lunardi imita il compagno con la stessa risposta del portiere. Il Monteviale risponde con Marzari che in azione di contropiede pecca di egoismo e conclude a lato con Carmucci tutto solo che invocava l’assist, poi Carassi da pochi passi non trova la porta. Con il passare dei minuti la gara si fa più piacevole con frequenti capovolgimenti di fronte, così si arriva al 48’ quando su azione di calcio d’angolo Aspergh si fa superare dal pallone, l’unica sbavatura su una prestazione positiva, e Feltrin approfitta e insacca. 1 a 0, nemmeno il tempo di portare la palla a centrocampo che il signor Celegato chiude la prima frazione.

Gol di Feltrin

La ripresa vede due novità nella squadra ospite, Marazia per Talli e Erba par Fortunato. La mossa di mister Lazzaron vuole dare più consistenza al settore avanzato, per recuperare il risultato. Detto e fatto, è proprio il nuovo entrato Marazia che al 5’ da centro area gira in porta una gran bordata per il gol del pari. I padroni di casa cercano con insistenza la rete del vantaggio, ma sulla propria strada trovano un Aspergh attento a chiudere tutte le insidie con alcuni interventi di ottima fattura, bella la parata a terra sul colpo di testa di Basso.

Marazia marcato stretto

Il mister giallo/rosso con l’innesto di Maiova trova la carta vincente, visto che al 30’ il fantasista ospite è protagonista della discesa sulla destra, e dopo aver saltato il proprio avversario mette al centro un invitante pallone che Marazia, ancora lui, con un gesto tecnico di notevole fattura, gira in semirovesciata in porta. Veramente un gran gol.

Polo para su Marzari

Ora le posizioni si sono invertite, i padroni di casa devono per forza di cose raggiungere il pari, cercano in tutti i modi di trovare il gol ma la difesa di Casolin e compagni non concede palle giocabili. Il signor Celegato   concede 5 minuti di extra time per poi chiudere la partita.
Lo stato d’animo è ben comprensibile, da una parte i locali molto abbattuti per l’andamento del match, dall’altra gli ospiti che si riuniscono a centro campo e tutti assieme festeggiano la matematica salvezza.

Cronaca e foto di Antonio Martinello

Sull'Autore

Antonio Martinello