Calcio Femminile

Calcio femminile: Vicenza fuori dalla Coppa

Scritto da Federico Formisano

Vicenza Calcio Femminile – Real Meda 0-3

VICENZA CALCIO FEMMINILE: Dalla Via; Gobbato (80′ Cingano), Frighetto (71′ Carino), Missiaggia (C), Pegoraro, Balestro, Fortuna, Rigon, Stocchero (55′ Lazzari), Dal Bianco (80′ Pomi), Broccoli (55′ Calandra) A disposizione: Bianchi All. Dori Cristian

REAL MEDA: Ripamonti; Roma, Beretta, Dubini (Bettale), Arosio, Moroni (46′ Agosta), Fusi (C), Ragone, Rossini (28′ Ferrario), Barbini (46′ Molteni), Campisi (63′ Crapanzano) A disposizione: Pizzi, Coppola All. Cantalupo Luca

Arbitro: Geremia A. (Bassano del Grappa) Assistenti: Longo D. e Zambon A. (Vicenza)

Reti: 3′ Ragone (R), 40′ Campisi (R), 61′ Molteni (R)

Recupero: 1′; 3′

Ufficio Stampa Vicenza Calcio Femminile


Si conclude il cammino in Coppa Italia Serie C per il Vicenza che in casa esce sconfitto per 3-0 dal Real Meda.

Partita subito in salita dopo 3′ con il gol di Ragone e al 40′ Campisi raddoppia; le Biancorosse non si abbattono e provano a creare occasioni in tutti e i 90 minuti, però senza successo. Chiude definitivamente i conti Molteni al 61′; il Real Meda ha altre occasioni ma Dalla Via è brava a respingere.

Per il passaggio del turno sarà decisiva la prossima partita tra Real Meda e Riozzese, il Vicenza continuerà invece a lavorare per arrivare pronta ad inizio campionato, proprio contro la Riozzese. Si comincia e al primo tiro le avversarie passano subito in vantaggio: al 3′ Ragone dal limite calcia una parabola strana, la palla sbatte sul palo ma Dalla Via non riesce con la mano a tirarla via dallo specchio della porta. E’ già 0-1. Il Vicenza reagisce subito però sull’asse FrighettoBroccoli: la n.3 serve tra le linee l’americana che prova a beffare in pallonetto Ripamonti in uscita ed un altro difensore, ma la palla è respinta e torna indietro proprio a Frighetto che di prima intenzione calcia alto.

Ancora Real Meda in avanti al 17′ con l’autrice del gol Ragone, da sinistra palla in mezzo per Barbini che prova in tuffo a deviare in porta ma Dalla Via respinge in calcio d’angolo. Al 23′ palla recuperata a centrocampo, Gobbato lancia Broccoli lungo la fascia sinistra che dopo aver resistito ad un’avversaria serve all’indietro Frighetto, ma la sua conclusione si spegne sul fondo. Qualche minuto più tardi Dal Bianco riceve da Frighetto, appoggia a Fortuna che calcia mancando di pochissimo l’incrocio dei pali alla sinistra di Ripamonti.

Il Real Meda prova a raddoppiare al 30′ ma Dalla Via è brava a respingere il piattone di Barbini, ben coordinata dopo l’assist calibrato di Moroni. Purtroppo per il Vicenza è tutto rimandato a poco più tardi e al 40′ arriva il gol del 2-0: palla dentro l’area per Campisi, da sinistra rientra secca e calcia potente in porta trovando una leggera deviazione di una Biancorossa in copertura. Il Vicenza sembra accusare il colpo e fatica un po’ i primi minuti della ripresa, soffrendo qualche incursione delle avversarie.

Al 61′ è ancora il Real Meda a trovare la via del gol con Campisi che riesce a sfuggire a Lazzari e a rimettere al centro un traversone che arrivava da destra; da pochi passi Molteni non può sbagliare e di tap-in segna il gol del 3-0. Il risultato non demoralizza comunque il Vicenza che ci prova fino all’ultimo a segnare almeno il gol della bandiera: al 62′ il cross di Dal Bianco trova lo stacco di testa di Pegoraro, ma la palla conclude la sua corsa di poco a a lato. Ancora l’ex Padova protagonista qualche minuto dopo, questa volta invece come finalizzatrice: ripartenza in campo aperto sulla trequarti, palla dentro di Rigon, Dal Bianco si allunga in scivolata per anticipare l’intervento del difensore e l’uscita del portiere ma dopo il rimpallo la sfera si spegne sul fondo.

Anna Dalla Via, spesso protagonisto con il Vicenza cf

Le avversarie non sono però sazie di gol e ci provano ancora: Agosta si presenta davanti a Dalla Via ma ancora una volta la palla è deviata in calcio d’angolo. La partita è viva fino al 93′ e ancora Dalla Via deve sporcarsi i guanti, anzi i calzettoni, per respingere la conclusione di Molteni che aveva provato a beffare la n.1 Biancorossa sotto le gambe. E’ l’ultima emozione del match prima del triplice fischio.

Il Vicenza non riesce ad alzare la testa in casa ma nonostante il risultato secco non ha sfigurato. Ci sono stati dei passi avanti in fase offensiva rispetto a domenica scorsa, non ancora sufficienti però per riuscire a sfondare il muro avversario. Le Biancorosse tornano ad allenarsi martedì, in attesa di scoprire se ci saranno altre amichevoli prima dell’inizio del campionato, fissato il 14 ottobre.

 

 

 


Sull'Autore

Federico Formisano