Edicola EVIDENZA

L’edicola del martedì: allenatori fuori sede e sviluppi caso Zevio

Scritto da Federico Formisano

Le notizie pubblicate ieri sul nostro sito:

http://www.calciovicentino.it/2020/02/17/ledicola-del-giorno-dopo-unaltra-domenica-fra-casi-e-casini/ Una gara sospesa per un presunto caso di violenza sull’arbitro, danni sugli spogliatoi dello Schio da ricondurre a normalità, il Cartigliano furibondo con la terna, proteste sui campi e arrabbiature con gli arbitri. Le altre notizie ci portano a Bolzano dove domani ci saranno i funerali di Mirko, e in altre zone della provincia.

http://www.calciovicentino.it/2020/02/17/reggio-batte-larzignano-e-va-a-4-dal-vicenza/  Reggiana – Arzignano redazionale

http://www.calciovicentino.it/2020/02/17/il-derby-vicentino-va-al-sovizzo-che-supera-il-real-san-zeno-con-un-secco-3-0/  Real San Zeno- Sovizzo con le foto di Monica Centomo

http://www.calciovicentino.it/2020/02/17/finale-incandescente-al-de-rigo-dalla-riva-agguanta-il-cornedo-tra-mille-polemiche/ Schio- Cornedo di Marco Marra

http://www.calciovicentino.it/2020/02/17/il-s-tomio-blocca-sul-pari-la-capolista-spuntata-e-recrimina-1-1-con-il-valli/ Santomio- Valli di Omar Dal Maso

http://www.calciovicentino.it/2020/02/18/terza-categoria-risultati-classifiche-commenti-foto/ la terza categoria: risutati, classifiche, cronache.

A

Allenatori vicentini fuori sede:  Apriamo questa rubrica con l’elogio di Antonio Paganin che sta facendo un gran lavoro con la Godigese. L’ex giocatore di Inter e Udinese è arrivato  a fine ottobre prendendo il posto di Manolo Destro altro allenatore vicentino. La squadra all’ottava giornata aveva incamerato solo 4 punti ed era ultima in classifica. Adesso è reduce da due successi con Albignasego e Pozzonovo, è penultima alla pari con l’Abano (con 19 punti)  ad un solo punto dal Pozzonovo e a 3 dall’Albignasego. Nelle ultime 5 partite ha perso solo con la capolista Sona, conquistando tre vittorie con San Martino, e appunto Albignasego e Pozzonovo ed un pari esterno con Santa Lucia.

Dall’ultima pubblicazione di questa rubrica non è più in sella Enrico Cunico alla Luparense,  dove è tornato Centurioni che però non sta ottenendo risultati brillanti a dimostrazione che  è la formazione di San Martino di Lupari, nonostante i nomi eccellenti a non brillare.. In serie D stanno invece comportandosi molto bene Antonio Andreucci con il Campodarsego, che anche se  ha perso con  il Cjarlins Muzane continua a mantenere 5 punti di vantaggio sul Legnago. Bene sta facendo anche l’Union Clodia Sottomarina, guidata da .  Mario Vittadello , che ha vinto in casa della Luparense ed è terza in classifica .  L’Este guidata da Nicola Zanini ha pareggiato con il Chions e rimane a metà classifica.

In Eccellenza, la Belfiorese guidata da mister Paolo Beggio, è stata rimontata nel finale dell’Arcella e non è riuscita a cogliere quella vittoria che l’avrebbe sganciata dalla bassa classifica. Attualmente la Belfiorese ha tre punti di margine sull’ Albignasego quintultimo.

Nel girone B di Eccellenza,  l’Union San Giorgio Sedico di  Alessandro Pontarollo, è sempre al primo posto in classifica grazie al successo sull’Union Pro e gestisce il punticino di vantaggio sul Portogruaro.

Nel girone B  di prima categoria, il Valdalpone guidato da  Giuseppe Allocca  rischia la sconfitta a tavolino con lo Zevio dopo i fatti di domenica scorsa. A parte questo la squadra si sta comportando bene, ha 32 punti in classifica e potrebbe ancora agganciare il quinto posto.   Il  San Giovanni Ilarione di Fabio Gonella è quintultimo in classifica con 23 punti ma se il campionato finisse oggi sarebbe salvo avendo 9 punti di vantaggio sul Casteldazzano.

Nel girone F prima categoria l’Accademy Plateola guidata da Luciano Marcolongo, è ultima in classifica con 13 punti. Nel girone D di Prima categoria, la formazione del Colli Euganei, guidata da Enrico Nardi è a metà classifica con 31 punti e un margine rassicurante sulle squadre che stanno sotto.  Davide Pialli, mister del Boca Junior pareggia con il Bonavigo rimanendo a a metà classifica con 27 punti.

Meriterebbe la copertina anche  Moreno Dalla Pozza, allenatore del Chievo femminile che da quando è arrivato ha ottenuto ottimi risultati (l’ultimo successo con la Riozzese per 3-0 domenica scorsa) e si è portato a metà classifica.

Moreno Dalla Pozza

 

Arzignano: Questi gli highlights della gara fra Reggiana e Arzignano disputata ieri sera. https://elevensports.it/play/47863/reggio-audace—arzignano-valchiampo-3-1-26giornata-girone-b/37/244/

C

Castelgomberto:    Domenica durante la gara fra Alta Valle del Chiampo e Castelgomberto ha riportao un grave infortunio  il portiere del Castelgomberto   Cristian Chelese,  che sembra aver riportato  fratture alle vertebre della schiena ed è stato trasportato  in ambulanza  all’Ospedale di Arzignano. Il Castelgomberto sta valutando se presentare ricorso o meno: “ il direttore di gara – ci scrive mister Corato- ha gestito molto male la cosa e per finire in bellezza non ha dato  recupero suscitando molta indegnazione da parte di tutti, pubblico compreso,  visto che siamo rimasti fermi un bel po’ di tempo “. Intanto la società ed il mister fanno un grande in bocca al lupo al giocatore. “Speriamo che il nostro Kiki torni presto con noi” dice mister Corato. E noi ci uniamo agli auguri di pronta guarigione.

F

Fuori Gioco:  ieri sera (alle 17.30 su TVA Vicenza) è  tornata la trasmissione Fuori gioco condotta in Studio da Franco Bertuzzo con Federica Benacchio; l’opinionista fisso della trasmissione è Federico Formisano. Ospite della puntata Claudio Conte, responsabile dell’attività di base del Vicenza calcio.

P

Pelizzer:  Il funerale di Mirko si terrà  oggi alle 15.00 alla Chiesa di Bolzano Vicentino, in Piazza Roma. La famiglia chiede di devolvere eventuali offerte  saranno devolute all’Associazione Unico 1

Riportiamo quanto ha scritto al riguardo Omar Dal Maso su l’ecovicentino:

Un calcio del destino, e un pallone che improvvisamente e inspiegabilmente si sgonfia, proprio su quel prato – la vita – che evoca ricordi da bambino, di grandi imprese di partite vinte all’ultimo minuto recupero e cocenti delusioni, a volte sconfitte ingiuste. Che a soli 25 anni non sono nemmeno così tanti, ma pur sempre intimi e preziosi. Mirko Pelizzer, quel calcio, lo ha subito in un venerdì sera dedicato allo sport e al divertimento con i compagni di squadra, lo scorso 24 gennaio per chi è “del mestiere”, un tackle da tergo di quelli più sleali e inaspettati, da cui è impossibile difendersi e prepararsi in anticipo. Infido e subdolo, lo hanno chiamato ictus, uno di quegli avversari che non dovrebbero trovarsi contro mai, e men che meno alle spalle, in un campo di pallone. E non è bastato un cartellino rosso al S. Bortolo di Vicenza per scacciarlo del tutto.

Nessuno era preparato, infatti, intorno a Mirko, nessuno poteva presagire che si giocasse già il tempo di recupero, l’ultima chance, in una stanza di rianimazione, nei giorni seguenti, fino al triplice fischio di venerdì scorso. Dopo 20 interminabili giorni di speranze appese a un filo tenue, e il giorno del 26° compleanno trascorso l’8 febbraio in ospedale, mentre in corsia si alternavano a decine a rivolgergli un pensiero di auguri.

Oggi, martedì 18 febbraio, si celebra il rito religioso di commiato a Bolzano Vicentino, paese dove Mirko ha trascorso gli anni della crescita e mosso i primi calci. Della stagione 2002/2003 il suo primo tesseramento nelle fila del Berton Bolzano. L’appuntamento per il saluto solenne è alle 15, nella chiesa di Santa Maria. Ora il tifo di tutti sarà rivolto ai genitori, Manuela ed Eliseo, incessantemente al capezzale del giovane figlio in questi giorni “sospesi” tra dramma e speranza, e ai fratelli Stefano e Luca, insieme ai nonni e a chi insieme a loro dovrà vincere un’altra partita, quella dell’accettazione di una realtà meno soffocante se condivisa, se alleviata da abbracci e parole genuine di conforto nel giorno dell’addio a Mirko, di cui rimangono smaglianti sorrisi nelle foto (una apparsa sul tabellone luminoso dello stadio Menti), ricordi indelebili in chi lo ha incontrato, intime emozioni nel profondo dei cuori.

Q

Quinto: Ac Quinto Vicentino comunica che nella serata di ieri l’Assemblea dei Soci ha votato all’unanimità il candidato Massimo Rossato nuovo presidente della società. L’elezione si è tenuta a seguito delle dimissioni di Maurizio Erbi avvenute a dicembre per motivi personali. L’incarico di Massimo Rossato avrà durata fino a giugno 2021.

R

Rossi: Paolo Rossi stasera riceverà in Basilica Palladiana la cittadinanza onoraria del Comune di Vicenza, che in precedenza sarà votata in Sala Bernarda dai consiglieri comunali di Vicenza. Il club Giancarlo Salvi di cui Paolo Rossi è fondatore organizza l’evento a cui dovrebbe partecipare Renzo Rosso, Mimmo Di Carlo e il Ds Magalini. Dalle 20.30 in Piazza cerimonia che verrà trasmessa in diretta su TVA Vicenza..   Domenica 8 marzo, poi, allo Stadio Menti, in occasione della gara con l’Arzignano, ci sarà l’incontro con i tifosi biancorossi.

 

Z

Zevio: Lo Zevio ricostruisce in un comunicato la sua versione di quanto accaduto domenica al Todeschini nella gara fra Zevio e Valdalpone :  In relazione agli articoli pubblicati in data odierna, a pagina 39 del quotidiano “L’Arena” , e sul sito www.radiorcs.it, l’A.C. 1925, lamenta gravi lacune nella ricostruzione dei fatti in essi contenuta, relativi a quanto accaduto ieri. presso lo Stadio Comunale “Leo Todeschini “, durante lo svolgimento della gara valevole per il girone B del campionato di Prima Categoria Veneto, tra AC Zevio e Valdalpone Roncà e raccontata appunto nei citati articoli. In particolare, l’A.C. Zevio 1925, lamenta il fatto che, il vero motivo per il quale la gara è stata sospesa non è stato descritto in modo chiaro, evidenziandone, tutta la sua reale gravità. Infatti un tesserato della squadra ospite (lo stesso che appare su social e mezzi di comunicazione come “ferito”), dopo essere stato espulso, ha colpito con uno schiaffo al braccio il direttore di gara e mentre “a forza” veniva allontanato dal terreno di gioco dai suoi stessi compagni di squadra, continuava ad inveire verso l’arbitro, palesando intenzioni non certo volte alle scuse o alla riconciliazione con lo stesso, tutti fatti che, la nostra società è certa, troveranno oggettivo riscontro, nel referto arbitrale. Conseguentemente il “Far West” che, secondo gli articoli in questione, sarebbe stato provocato da un nostro tesserato (per il quale sarà la nostra società che prenderà gli adeguati provvedimenti) non è stato il motivo della sospensione della partita. Quello che succede fra i giocatori sul rettangolo di gioco lo lasciamo giudicare agli organi competenti, quello invece che è INACCETTABILE, è che ancora una volta, dopo i fatti accaduti nella nostra Regione nelle ultime settimane, è l’ennesima AGGRESSIONE FISICA ad un arbitro. che si ribadisce, è stato il VERO MOTIVO per cui la gara è stata sospesa. La mancanza negli articoli di qualsiasi accenno a quest’ultimo fatto, il più grave e sicuramente il più degno di nota, ma soprattutto quello che, come già detto, ha causato la sospensione del match, evidenzia una grave lacuna nella descrizione dei fatti, visto che si parla in modo generico di “Ire” (?) del calciatore ospite; nessun cenno allo schiaffo rifilato al l’arbitro come reazione all’espulsione, ma su questo siamo convinti della “buona fede” di chi ha firmato gli articoli, probabilmente “distratto” proprio nel momento più delicato e condannabile del pomeriggio al Leo Todeschini. Infine l’immediato l’intervento delle forze dell’ordine, è stato richiesto dal Commissario di Campo presente in tribuna, a scopo precauzionale, proprio in virtù delle citate recenti aggressioni arbitrali e non certo perché in campo si fosse scatenata chissà quale rissa. Il tutto ad onor di verità.

info@calciovicentino.it
Telefono e Whatsapp 335 7150047
Facebook / calcio vicentino

.

Sull'Autore

Federico Formisano