Prima Categoria

Meteo inclemente e tra Alte Ceccato e Sovizzo esce l’ X

Scritto da Gianfranco

ALTE CECCATO – SOVIZZO  0 – 0

ALTE CECCATO: Monaco, Montagna (Boschetti), Melon, Jeraci, Targon, Lovatti, Sarr, Sartori (Fattori), Negro, Fiorenza, Acerbi. A disp: Pianegonda, Bovolini, Zuccon, Festival, Marchesini.  Allenatore Vantin (Perlotto squalificato)

SOVIZZO: Meneguzzo R., Colombo, Cailotto, Strobe, Milan, Fantin, Pellizzari (Ceola), Randon, Skhemby (Pegoraro), Gisaldi, Dal Lago (Zanderigo). A disp:  Poletto, Meneguzzo,  Crivellaro, Moro,  All. Ciani.

ARBITRO: Franchini di Verona.

NOTE: Pioggia incessante per tutto l’incontro, Terreno allentato e pesante. 

Spettatori 20 circa.   RECUPERI: 1’ p.t. e 3’ s.t.

La pioggia l’ha fatta da padrona ma ad Alte Ceccato, la 24^ giornata si è giocata regolarmente. I pochi aficionados, una ventina circa, hanno potuto comunque apprezzare come i ventidue in campo ce l’abbiano messa davvero tutta e non si siano certo risparmiati dandosi battaglia e cercando di superarsi ma, purtroppo, non è stato semplice trovare il modo di giocare, almeno come la pensavano i rispettivi mister, così che, l’insistente inclemenza meteo, li ha costretti ad un incontro spesso caratterizzato per lo più a lunghi lanci spesso preda dei portieri. Alla fine tra Alte Ceccato e Sovizzo finisce in parità.

La prima parte di gara ha visto i padroni di casa avere un miglior impatto sulla gara, mettendo i brividi all’estremo ospite già al  4 con Sartori che, controllata palla all’altezza del dischetto di rigore, litiga con il pallone e non riesce a concludere facilitando la difesa ospite nel rinvio. Ancora i padroni di casa con Sarr al 13’ che sul vertice destro dell’area ospite, controlla si accentra e tenta il tiro a giro calciando però a lato. Si anima anche il Sovizzo che sfiora il vantaggio al 20’ su calcio da fermo: tiro di Gisaldi che vede la palla stamparsi sulla traversa; palla che ritorna in campo per Dal Lago che tira prontamente ma un difensore ribatte. Il ritmo è sostenuto ma, per quanto si sforzino i ventidue in campo, i tentativi di fraseggio, nel breve, trovano spazi intasati mentre con i lanci lunghi la palla, appena tocca terra diventa inarrivabile così il gioco non decolla. Al 30’ e al 32’ sono i due più giovani in campo ad essere protagonisti: al 30’ è l’ottimo estremo di casa Monaco (classe 2000) a bloccare a terra il tiro dal limite di Randon, mentre due minuti dopo il classe ’98 neroverde Colombo, beffa Monaco con un delizioso pallonetto da una trentina di metri, ma l’arbitro ferma tutto per fuorigioco. Buona incursione al 34’ di Sarr sulla sponda giallorossa che approfitta di una liscio difensivo nero verde ma arrivato sul fondo sbaglia il cross vanificando l’inserimento a centro area di Fiorenza.   La ripresa è più avara di occasioni anche per il peggiorare delle condizioni del terreno di gioco. Come nella prima frazione, sono i padroni di casa ad essere pericolosi per primi con Fiorenza che al 3’st ben servito in profondità, calcia sull’esterno della rete. Si arriva al 25’st e la punizione di Melon mette i brividi alla difesa ospite: la palla attraversa tutta l’area e sul paolo distante un giocatore giallorosso arriva un attimo in ritardo e palla sul fondo. Anche dall’altra parte brividi al 30’st: Ceola controlla e tira dai 25mt impegnando severamente Monaco a che si allunga e ci arriva sulla sua sinistra. I padroni di casa hanno una colossale opportunità di vincere questo incontro: Fiorenza controlla un delizioso pallone in profondità ma arrivato a tu per tu con Meneguzzo riesce solo a calciargli addosso. Non c’è più tempo e finisce qui con un punto a testa, equo, che muove la classifica verso una più vicina salvezza per entrambe de squadre.

Gianfranco Scalzotto

Sull'Autore

Gianfranco