Calcio Femminile

Sconfitta di misura per il Vicenza cf a Vittorio Veneto

Scritto da Stefano Bedin

Permac Vittorio Veneto – Vicenza Calcio Femminile 1-0

PERMAC VITTORIO VENETO Reginato; Piai, Foltran, De Martin, Tomasi, Furlan, Da Ros (C), Tommasella, Stefanello (88’ Zanella), Mantoani, Coghetto (46’ Zanon) A disposizione: Da Ronch, Gava, Mella, Padovan, Modolo All. Toffolo Fabio

VICENZA CALCIO FEMMINILE Bianchi; Lazzari (70’ Balestro), Perobello, Missiaggia, Frighetto, Rigon, Fortuna, Maddalena, Stocchero (70’ Pegoraro), Dal Bianco, Gobbato (37’ Pomi (81’ Carino)) A disposizione: Dalla Via All. Dori Cristian

Marcatrici: 53’ aut. Missiaggia (VV)

Arbitro: Valsecchi Luca (Lecco) Assistenti: Morten Giorgio e De Poli Nicola (Conegliano

Ufficio Stampa Vicenza Calcio Femminile Foto: Arianna Ferrati

Buon approccio delle Biancorosse che provano a tenere testa alle più quotate avversarie lasciandole poche azioni da gol: la partita si sblocca infatti solo al 53’ con l’autogol di Missiaggia, sfortunata nel deviare in porta il pallone proveniente dal calcio d’angolo di Stefanello.

L’azione più pericolosa del Vicenza è un calcio di punizione di Fortuna, ma Reginato evita il gol del pareggio.

Trasferta difficile per le Biancorosse che affrontano in casa la prima della classe, l’inizio però fa ben sperare e il Vittorio Veneto fatica a creare chiare azioni da gol.

Al 4’ Foltran calcia, De Martin intercetta il pallone, si gira e calcia al volo: conclusione debole facile preda di Bianchi.

Parata Bianchi

All’8’ punizione dai 30 metri per il Vicenza: Maddalena prova il gran gol dalla distanza ma la palla si spegne di poco sopra la traversa.

Al 14’ Mantoani recupera un pallone sulla trequarti, si invola sulla fascia e dal limite dell’area calcia forte in porta, traiettoria che esce sul secondo palo.

Al 30’ buonissima chance per il Vittorio Veneto: lancio lungo per De Martin, la n.16 sulla linea di fondo rientra sul destro e serve al centro Coghetto che da pochi passi prova a spingere la palla in rete in scivolata, è brava Bianchi con un buon riflesso a bloccare in tuffo.

Conclusione Coghetto

Al 33’ duro colpo per il Vicenza che perde Gobbato per infortunio: la piccola Biancorossa in un contrasto mette male la caviglia ed è costretta a lasciare il campo.

Infortunio Gobbato

Sul finale del primo tempo, coraggioso tentativo di Piai che vede Bianchi fuori dai pali e da pochi metri oltre il centrocampo prova a sorprenderla, ma colpisce male e conclude largo.

Si va a riposo sul risultato di 0-0, parziale molto soddisfacente per le Biancorosse che riescono a respingere gli attacchi, seppur timidi, del Vittorio Veneto.

L’equilibrio però dura poco e al secondo tentativo nella ripresa, le padrone di casa si portano in vantaggio: calcio d’angolo dalla destra, Stefanello mette in mezzo per Tomasi che non colpisce, la palla sbatte invece sulla gamba di Missiaggia che è sfortunata e infila la propria porta.

 

Sotto 1-0, il Vicenza però non si arrende, continua a giocare e sfiora il gol del pareggio: punizione dalla lunetta dell’area di rigore, Fortuna calcia centrale ma sotto la traversa e solo un grande intervento di Reginato in allungo nega la gioia alla n.7 Biancorossa.

Al 75’ Stefanello sulla destra effettua un traversone, palla che scende sul secondo palo raccolta da Piai che prova al volo ma liberissima colpisce male e Bianchi para.

Conclusione Piai

Sul capovolgimento di fronte ci prova invece Pomi che dal limite dell’area calcia ma non riesce ad inquadrare la porta.

Ancora Vicenza all’87’: altra punizione di Fortuna da fuori, questa volta però il tentativo della n.7 è più debole e Reginato blocca in due tempi.

Punizione Fortuna

È l’ultima occasione della partita, vince il Vittorio Veneto 1-0.

Saluti finali

Buona prestazione delle Biancorosse che rispetto al 3-0 dell’andata giocano decisamente meglio e tengono testa alle avversarie.

Vittorio Veneto meno brillante delle altre volte ma efficace seppur con un po’ di fortuna: in attesa delle partite che deve recuperare la Riozzese, le Rossoblu continuano a guardare tutti dall’alto al basso con 41 punti.

Il Vicenza rimane invece sopra di un punto al Fiammamonza e perde un po’ di terreno dal Padova, vincente contro il Brixen e ora a +5.

Le prossime due sfide saranno decisive: domenica al Baracca arriva proprio il Fiammamonza, scontro diretto per la salvezza; il 17 marzo invece si va ad Oristano in cerca di un’altra vittoria preziosa. Forza Vicenza!

 

 

Sull'Autore

Stefano Bedin