Promozione

Summania e Cassola non si fanno male: 0-0 e poche emozioni al Bertoldi

Scritto da Marco Marra

Nella gara d’esordio tra Summania e Cassola non vanno oltre il pari a reti bianche. Molta imprecisione, tante occasioni sciupate, un gol annullato al Cassola; sta di fatto che le due squadre si dividono la posta in palio

SUMMANIA – CASSOLA 0-0 (Primo tempo 0-0)

SUMMANIA: Marcon; Zuliani (85’ Bortoloso), Grotto, Manea (83’ Grubetich), Cocco; Calgaro (56’ Stefani), Iubatti, Traoré (77’ Broccardo), Vaccari; Orechukwu (90+1’ Peron); Girotto   All. Gigi Rigoni

CASSOLA: Frison; Rizzitelli, Pomposo, Tessarolo, Farronato; Zago (83’ Tona), Mocellin (68’ Chilese), Scotton, Mascotto (77’ Beghetto); Pasquetti, Marchesan (68’ Osmani)   All. Trevisan

MARCATORI: Nessun marcatore

AMMONIZIONI: 24’ Calgaro (S), 55’ Manea (S), 62’ Rizzitelli (C), 64’ Girotto (S), 79’ Farronato (C)

Servizio e foto di Marco Marra

Allo stadio Ferruccio Bertoldi di Piovene Rocchette si sfidano Summania e Cassola nel match d’esordio del Girone B di Promozione. Torna il campionato dopo una lunga estate, si parte subito con lo scontro tra una realtà ormai consolidata della Promozione ed un’interessante neopromossa. In quel di Cassola non vedono l’ora di iniziare questa avventura a dir poco intrigante, ottenuta in seguito alla vittoria dei play-off di Prima Categoria contro Fontanivese e Azzurra Sandrigo. L’anno dei rossoblù ha preso il via con una bella vittoria sul campo della Marosticense e con una sconfitta casalinga con la Godigese, entrambe in Coppa Veneto. Il Summania è invece chiamato a ripetere la salvezza dell’anno scorso, aspirando perché no a traguardi più importanti. La certezza è certamente Gigi Rigoni, caposaldo inossidabile a Piovene. La rosa non ha subito stravolgimenti, giusto qualche dovuto accorgimento. Ci sono insomma tutti gli ingredienti per far bene.

Cielo sereno, clima perfetto per assistere al match. Summania in campo in completo rosanero, Cassola in maglia rossoblù. Dirige l’incontro il Signor Cinquetti di Verona.

LA CRONACA
Difesa a quattro per il Summania formata da Zuliani, Grotto, Manea e Cocco, in mediana Iubatti e Traoré, sulle fasce Daniel Calgaro e Vaccari, in avanti Orechukwu alle spalle della punta Girotto, per un 4-4-1-1 in grado di variare in corso d’opera in 4-4-2. Schieramento analogo per il Cassola: Rizzitelli, Pomposo, Tessarolo e Farronato in difesa, Zago e Mascotto laterali, Mocellin e Scotton in cabina di regia, Pasquetti e Marchesan tandem d’attacco.

Avvio di gara privo di squilli, classica fase di studio. Il Cassola muove il primo colpo dopo dieci minuti: Marchesan scodella il pallone, Pasquetti si inserisce in area e calcia col sinistro, chiuso da un difensore. Al 14’ primo squillo del Summania con la punizione dal limite di Calgaro, destro di poco a lato. Un minuto più tardi Calgaro batte un calcio d’angolo, nella mischia Mascotto devia col petto rischiando l’autogol, per sua fortuna Frison blocca.

Al 20’ chance clamorosa per il Summania: azione veloce per vie centrali, Vaccari innesca in campo aperto Girotto che salta secco il portiere ma col destro mette sull’esterno della rete. Dall’altra parte ci prova Rizzitelli con un destro potente dai 35 metri, blocca Marcon in due tempi.

Il risultato non si sblocca, complice qualche imprecisione di troppo e l’atteggiamento generale delle due squadre: il Cassola, specie nel primo tempo, tende a lasciare il gioco agli avversari in modo da spezzare le trame e ripartire in contropiede. Il Summania dal canto suo fatica a produrre azioni fluide, il pressing del centrocampo avversario impedisce di manovrare comodamente il pallone, partita molto tattica e con pochi spiragli per le emozioni.

Il primo tempo va in archivio dopo un’interruzione di circa tre minuti a causa dell’infortunio alla testa subito da Grotto. Cooling break per le due squadre mentre lo staff medico è in campo. Fortunatamente nulla di grave per Grotto, costretto solo a bendarsi la fronte. 0-0 dunque all’intervallo, i due mister dovranno lavorare per sbloccare il match nella ripresa.

La trama del match non cambia granché, sono pochi gli squilli in grado di animare il pubblico: al 58’ gran giocata di Girotto che si gira alla grande e calcia da fuori area col destro, la palla sfiora l’incrocio, vicino ad un bellissimo gol l’attaccante ex Poleo Aste. Al 61’ calcio d’angolo di Stefani e colpo di testa in mischia di Iubatti, blocca facilmente Frison.

Dieci minuti più tardi ingenuità del Cassola che concede una punizione a due in area di rigore per un retropassaggio irregolare, Sekou Traoré calcia potente col destro ma mette a lato fallendo un’ottima chance.

Il gol non arriva, Rigoni prova il tutto per tutto: fuori proprio Sekou Traoré, dentro al suo posto Christian Broccardo per formare un quartetto d’attacco: Orechukwu si sposta a sinistra, Stefani si piazza a destra, coppia d’attacco Broccardo-Girotto, coppia di centrocampo Vaccari-Iubatti. 4-2-4 per provare a vincerla. La partita però quasi la vince il Cassola, all’85’ il neo entrato Tona si vede annullare il gol vittoria, in quanto l’arbitro ha visto uscire il pallone prima del tiro.

Il Summania non si arrende, vuole portarla a casa e Broccardo va ad un passo dal diventare l’eroe di giornata: Stefani converge da destra e serve a centro area proprio l’ex bomber del Thiene che col destro mette a lato di poco. Broccardo sfiora ancora il gol, stavolta con una grande azione personale: controlla bene un lancio dalle retrovie, elude il pressing di Tessarolo ma calcia troppo debole e non crea problemi a Frison.

Nel recupero saltano tutti gli schemi, le squadre si allungano per provare a vincerla, nessuno però riesce a spuntarla. Finisce dunque 0-0 a Piovene Rocchette tra gli applausi dei tifosi. Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Cominciare con un pareggio non è certo negativo, specie per poter preparare le prossime partite in tranquillità. D’altra parte il rammarico per le numerose occasioni fallite che avrebbero potuto dare una vittoria d’oro.

Nel prossimo turno il Summania sarà di scena a Camisano, il Cassola esordirà in casa contro il Longare

Marco Marra


Sull'Autore

Marco Marra