Serie C

A Salò un grande Vicenza

Scritto da Federico Formisano

Feralpi: Livieri, Legati, Canini (Tantardini dal 46′), Marchi; Vita, Magnino (Ferretti dal 46′), Pesce, Raffaello (Scarsella dal 65′) , Parodi; Caracciolo, Guerra (Mattia Marchi dal 80′) . A disposizione  De Lucia, Corsinelli, Martin,  Mordini, Ambro, Hergheligiu, Moraschi,  Allenatore Toscano

Vicenza: Grandi, Andreoni, Mantovani, Bizzotto, Stevanin (Solerio dal 57′); Bianchi, De Falco, Salvi  (Zonta dal 70′)   ; Curcio; Arma (Maistrello dal 75′), Giacomelli (Zarpellon dal 75′); a disposizione: Albertazzi, Davide Bianchi, Pasini, Bonetto, Laurenti, Rover, Gashi, Tronco, Allenatore Colella

Ammoniti: De Falco 15′, Andreoni 32′, Bizzotto 42′, Marchi (F)  70′

In una serata di pioggia e con il primo freddo dell’anno, il Vicenza parte benissimo sul campo bresciano, segna dopo 4′ e raddoppia a metà della prima frazione, esprimendo un ottima fluidità di gioco e molta decisione nei raddoppi di marcatura lasciando pochissime opportunità agli avversari.

Colella schiera  come da previsioni la squadra con un nuovo impianto di gioco: centrocampo fitto con Curcio che appoggia spesso l’azione di De Falco e c. (andando spesso a raddoppiare sul regista avversario Pesce)  e Giacomelli e Arma in attacco.

Dopo 4′ su un traversone  da destra Canini difensore centrale del Feralpi (giocatore di grande esperienza con molte presenze in A con Cagliari, Genoa, Atalanta e Chievo) scivola e lascia via libera a Giacomelli che mantiene la freddezza sufficente per battere Livieri.

Giacomelli esulta (da Facebook /Vicenza)

Il Feralpi si porta in avanti lavorando molto bene sulla fascia destra con un determinato Vita che Stevanin sembra soffrire più del lecito. Sui cross dell’esterno si proiettano due attaccanti del calibro di Caracciolo e Guerra ma Grandi fa buona guardia.

La situazione più pericolosa capita al 25′ quando sull’ennesimo traversone, Guerra colpisce di tacco ma sulla linea è appostato Bianchi che salva. Al 27′ il Vicenza usufruisce di un calcio di punizione dal limite: splendida esecuzione di Giacomelli che colpisce il palo e con la palla che danza sulla linea nessuno è pronto a proiettarsi a perfezionare in gol.

Al 29′ Curcio dà in profondità ad Arma, la difesa del Feralpi va di nuovo in affanno e l’attaccante sigla la sua prima rete ufficiale con i biancorossi.

Al 31′ il solito Vita (stavolta da sinistra)  confeziona un assist al bacio ma la conclusione di Guerra è prima assorbita e poi parata da Grandi.

Al 36′ è Caracciolo a servire Raffaello ma Grandi è attento e para.

Si arriva alla fine del tempo con la constatazione che il Vicenza non ha sofferto più di tanto gli attacchi bresciani. La grinta dei biancorossi che raddoppiano con grinta in tutte le zone del campo si sconta anche nei cartellini con tre dei nostri finiti sul taccuino del direttore di gara.

Toscano opera ad inizio ripresa due cambi, fuori Canini (anche per un colpo subito e non solo per la grave topica in occasione del primo gol ) e dentro Tantardini; fuori Magnino e dentro il più offensivo Ferretti.

Al 55′ clamorosa occasione per la Feralpi per riaprire la gara: Guerra pescato oltre i difensori colpisce un clamoroso palo pareggiando il conto dei legni. La difesa in questa occasione si è fatta un pò sorprendere dall’inserimento del pericoloso attaccante.

Al 65′ Il Vicenza chiude la gara: cross da sinistra per Arma che in contrasto con Marchi vince il rimpallo e sulla ribattuta anticipa il portiere ed insacca.

I biancorossi stanno disputando un ottima gara ma rimane il dubbio che la difesa del Feralpi sia stata stasera un pò troppo allegra. Toscano ha schierato i suoi con la difesa a tre ma Canini e Legati, giocatori di grande esperienza hanno ciccato clamorosamente in più di qualche occasione, consentendo ad Arma e Giacomelli di giganteggiare.

Gli ultimi 15′ diventano solo l’occasione per vedere in campo Zarpellon e Maistrello per Giacomelli e Arma e per assistere ad un palo colpito da Ferretti. Feralpi esce clamorosamente umiliata nel punteggio da un ottimo Vicenza. Sorprende che questa squadra da molti considerata come una delle possibili protagoniste del campionato non sia ancora riuscita ad andare una sola volta in gol pur avendo un potenziale offensivo enorme (Caracciolo, Guerra, Marchi, Ferretti) e forse Toscano ha commesso l’errore di schierarli insieme nella parte finale della gara sacrificando nel lavoro di copertura i due vivaci esterni Parodi e Vita tra i migliori in campo nel primo tempo e praticamente fuori gioco nella ripresa. Ma il Vicenza di stasera ha mostrato una coppia centrale (Bizzotto, Mantovani) di valore assoluto con Andreoni su ottimi livelli. Un pò in difficoltà Stevanin con Vita, mentre Solerio è sembrato un altro ottimo rinforzo per la difesa e quando finalmente starà bene potrà diventare un titolare insostituibile. Bene il centrocampo grazie ad un lavoro spesso oscuro di N. Bianchi e Salvi e grazie alla buona visione di gioco e alle verticalizzazioni dell’ottimo De Falco. Importante infine che Arma si sia sbloccato dimostrando di poter essere un’arma di nome e di fatto in più determinante. Si va avanti. Ma con grande ottimismo.

 

 

 

 


Sull'Autore

Federico Formisano