Promozione

Zangara e Casolin stendono il Cornedo: la Calidonense vince e aggancia il quinto posto

Scritto da Marco Marra

Bastano 25’ alla Calidonense per risolvere la pratica Cornedo: sblocca Zangara dopo un quarto d’ora, raddoppia Casolin dopo nemmeno mezz’ora. Gli uomini di Clementi amministrano nella ripresa, il Cornedo ci prova ma non trova la via del gol. La Calidonense tiene il passo del Mestrino quinto in classifica.

CALIDONENSE – CORNEDO 2-0 (Primo tempo 2-0)

CALIDONENSE: Pozza; Mietto, Gobbato, Casale, Casolin; Sandonà, Foletto (81’ Comparin); Manes (71’ Pavan), Simoni (76’ Bergo), Zangara (86’ Passuello); Marzari   All. Clementi

CORNEDO: Zanconato; Tretto, Zancan, Giarolo (46’ Andretti), Masiero; Asiamah; Spanevello (74’ Lazzari), Bernar (78’ Frimpong), Deganello (46’ Visonà), Lovato; Miloradovic (46’ Nwanyanwu)   All. Rezzadore

MARCATORI: 15’ Zangara (CAL), 25’ Casolin (CAL)

AMMONIZIONI: 38’ Casolin (CAL), 39’ Giarolo (COR), 63’ Foletto (CAL), 85’ Mietto (CAL), 89’ Frimpong (COR)

Allo stadio comunale di Caldogno si sfidano Calidonense e Cornedo per la ventunesima giornata del Girone B di Promozione. Sfida di centroclassifica tra due squadre separate in classifica da soli 4 punti, 30 per la Calidonense e 26 per il Cornedo. Gli uomini di Clementi sono a pari punti con il Mestrino ed il Rivereel e ciò fa pensare ad una lotta per i play-off fino alle ultime giornate. Il Cornedo ha saputo rialzarsi alla grande dopo l’inizio di stagione a dir poco preoccupante in cui per alcune giornate ha saputo solo perdere ed è stato risucchiato anche all’ultimissimo posto della graduatoria. Ora la squadra di Rezzadore non perde da 4 partite, dallo 0-3 in casa con il Campigo, ed in generale è reduce da ottimi risultati come i pareggi in casa con il Valbrenta capolista e con lo Schio secondo, il roboante 0-4 in casa del Summania e la bella vittoria per 1-3 in casa della Godigese. Quest’oggi dunque sarà un banco di prova per i gialloblù, che in caso di vittoria potrebbero candidarsi per un posto nei play-off. Anche la Calidonense attraversa un bel periodo, con una sola sconfitta nelle ultime 5 (3-1 sul campo del Summania) e tre vittorie contro Mestrino, Nove Stefani e Sarcedo.

Completo giallorosso per la Calidonense, completo gialloblù per il Cornedo. Dirige la gara il Signor Francesco Serena di Castelfranco Veneto.

LA CRONACA
Classico schieramento per la Calidonense di Clementi, con Sandonà e Foletto sulla mediana, Manes e Zangara sulle fascie e Stefani dietro l’unica punta Marzari. Rezzadore risponde schierando Asiamah sulla mediana a far da schermo davanti alla difesa, Bernar e Deganello coppia di centrocampo con Spavenello e Lovato ai lati; unica punta Miloradovic.

L’avvio di gara è prettamente di stampo giallorosso, con gli uomini di Clementi che partono aggressivi e chiudono gli avversari nella propria metà campo: prima chance all’ 8’ con una bella azione corale chiusa dal sinistro in piena area di Mietto, ma Zanconato è bravo a respingere di piede. Al 9’ traversone dalla destra per Foletto in area, sponda all’indietro per Manes che col destro colpisce in pieno un difensore e si guadagna il corner. Al terzo tentativo i giallorossi colpiscono: traversone basso da destra di Casolin per Zangara che in piena area batte Zanconato con un tocco sporco ma efficace. Calidonense dunque subito in vantaggio, con pieno merito visto l’ottimo avvio di gara. Il Cornedo ora è chiamato alla reazione.

È però ancora la Calidonense a produrre occasioni buone per segnare: al 16’ ancora Casolin pericoloso in zona assist con un altro cross dalla destra, Sandonà riceve in area, si gira su Zancan ma col destro colpisce lo stesso difensore ospite e non trova dunque la porta. Una chance ben più ghiotta per il centrocampista ex Summania arriverà però al 20’ con la sgroppata sulla sinistra di Manes che è poi bravo a servirlo al limite dell’area; Sandonà controlla e calcia col destro trovando però Zanconato a dirgli di no col piede. Altra clamorosa chance per i giallorossi al 23’ con il cross da destra di Zangara al centro per Marzari che da due passi calcia a botta sicura ma trova il salvataggio miracoloso sulla linea di Giarolo che devia la palla sulla traversa e salva i suoi dal secondo gol. Mani nei capelli per Marzari e compagni, la chance era davvero ghiottissima.

Poco male comunque, perché appena un minuto dopo arriva la rete del raddoppio: schema da calcio d’angolo, palla corta per Mietto che dalla sinistra disegna un cross al centro, Casolin svetta su tutti in area e di testa buca Zanconato per la seconda volta. Gol e assist per Massimiliano Casolin, oggi schierato terzino destro da Clementi. Scelta azzeccatissima quella del Mister giallorosso, vista la sua ottima prestazione e i numerosi cross forniti.

Il Cornedo prova allora a reagire, ma raramente riesce ad impensierire Pozza. La Calidonense va ancora al tiro al 33’ con una bella azione di Zangara che triangola al limite dell’area con Simoni e calcia col destro, Zanconato blocca a terra e gli nega la doppietta. Per il Cornedo ci prova Asamiah con un destro dal limite ribattuto da un difensore. Altra chance per la Calidonense al 40’: Sandonà batte una punizione dalla sinistra, crossa al centro trovando al centro Simoni che devia di testa da due passi e costringe Zanconato al grande intervento in tuffo per salvare la sua porta.

Squadre all’intervallo sul 2-0 per la Calidonense, risultato meritato per la squadra di Clementi vista l’ottima interpretazione del match avuta fin qui. Il Cornedo dovrà necessariamente cambiare assetto per ribaltare l’inerzia del match.

Il secondo tempo, infatti, inizia con ben tre cambi per gli ospiti. Chiara l’intenzione di Rezzadore di voler dare una scossa alla squadra prima che sia troppo tardi. La mossa sembra funzionare visto che in avvio di ripresa è un altro Cornedo: al 49’ il neo entrato Visonà riceve il tocco da destra di Nwanyanwu e calcia col sinistro dal limite, bravo Pozza a salvare in tuffo. La Calidonense prova ora ad amministrare il vantaggio cercando di colpire in ripartenza, come al 51’ quando Simoni va via a due uomini in dribbling, entra in area e calcia di punta mancando di poco lo specchio. Da apprezzare comunque l’azione in dribbling, una delle tante nell’ottima partita del 10 giallorosso.

Al 56’ chance su punizione dal limite per il Cornedo: se ne incarica Visonà, con il destro aggira la barriera ma trova solo l’esterno della rete. Punizione quasi fotocopia al 66’, sempre con Visonà alla battuta: questa volta da posizione più centrale, il centrocampista gialloblù calcia col destro, aggira ancora la barriera e centra in pieno il palo alla destra di Pozza. Cornedo ad un passo dal gol della speranza, che ora cerca con grande insistenza.

Insiste la squadra ospite, che ora un gol lo meriterebbe per il gioco proposto nella ripresa, ma la Calidonense con i suoi ottimi esterni offensivi e con le forze fresche inserite da Clementi può far male in ripartenza: al 79’ Gobbato riceve palla al limite dell’area in seguito ad una mischia, calcia con il destro ma trova Zanconato pronto a bloccare. Al 90’ Pavan prova ad approfittare del rinvio sbagliato da Andretti per involarsi in area e calciare col sinistro, ma la sua conclusione termina largo alla destra di Zanconato.

Dopo 5 minuti di recupero l’arbitro manda tutti sotto la doccia. La Calidonense porta a casa tre punti importanti per la lotta ai play-off. 2-0 contro un Cornedo spento nel primo tempo ma volenteroso nella ripresa. La squadra di Rezzadore un gol l’avrebbe meritato per lo spirito e il carattere dimostrato nella ripresa, ma l’imprecisione, la poca incisività e anche la sfortuna gliel’hanno negato. Ci può stare una partita sottotono, ora per i gialloblù sarà fondamentale ritornare a far punti già dalla prossima partita. Può festeggiare invece la Calidonense che tiene il passo delle altre concorrenti per i play-off e batte una squadra in buono stato di forma proponendo un ottimo gioco, specie nel primo tempo. Nella ripresa i giallorossi hanno saputo amministrare il vantaggio, difendersi dalla reazione avversaria e mantenere la porta inviolata, anche con l’aiuto del palo.

LA CLASSIFICA E I PROSSIMI IMPEGNI

33 punti per la Calidonense, esattamente come il Mestrino (oggi vittorioso sul Trissino per 2-1). I ragazzi di Clementi restano dunque indietro ai padovani per via degli scontri diretti (4-1 Mestrino all’andata, 1-0 Calidonense al ritorno) ma guadagna comunque tre punti sul Rivereel oggi sconfitto a domicilio dal Campigo. A rendere più amaro il K.O per il Cornedo ci si aggiungono le vittorie di Camisano e Summania, che dunque scavalcano entrambe i gialloblù. Sono solo 2 ora i punti che separano il Cornedo dalla zona play-out.

A seguire sulla pagina Facebook “calciovicentino.it” troverete il video highlights della partita

Marco Marra


Sull'Autore

Marco Marra