FUTSAL

Futsal: L’Arzignano vola ad Augusta

Scritto da Federico Formisano

Primo volo stagionale per l’Arzignano che inaugura le sfide in trasferta in casa della corazzata siciliana del Maritime Augusta. Sfida sulla carta
impossibile per i biancorossi contro una delle pretendenti per le zone alte della classifica rinforzatasi in estate con l’acquisto di campioni di
livello internazionale. Per mister Stefani un’assenza sicura quella del portiere Urbani e un forte dubbio con Murga non al meglio della condizione
fisica dopo l’allenamento di rifinitura del giovedì sera con dolore ad un ginocchio. Il 12 biancorosso resterà a casa per motivi personali già in
accordo con la società, al suo posto allora il debutto di Matheus Pozzi, giovane numero uno arrivato in estate che ha fatto vedere ottime cose nelle
amichevoli pre campionato e che potrà mettere in mostra le sue doti contro un team di alto livello.

Foto di Roberto Concato

Per il resto tutti a disposizione e pronti a scaldare i muscoli contro una formazione dagli obiettivi diametralmente opposti a quelli vicentini. Pronti a giocare su un campo che si preannuncia caldissimo spiega mister Stefani non saremo al meglio della condizione numerica ma chi andrà in campo cercherà di portare a casa i primi punti nonostante la difficoltà della sfida. Maritime che invece dal canto suo cercherà di tenere a casa i tre punti e bissare il successo dell’esordio sull’Eboli davanti i tifosi amici. Supporters che nelle ultime stagioni hanno visto soltanto vittorie al PalaJonio con la doppia doppietta campionato e coppa in serie B e in A2 lo scorso anno.

Agli ordini del tecnico Cabral sicuro assente il nipponico Caio Japa fermato un turno dal giudice sportivo, ma attenzione alla rosa lunga con le giocate dell’ex azzurro Fortino arrivato dallo Sporting Lisbona in estate. Tra i pali gioca l’ex Luparense Putano con Leandro Simi brasiliano d’esperienza pronto a segnare il primo gol stagionale.

Arbitri del match Campi di Ciampino e Prisma di Crotone, palla al centro alle ore 16.00.


Sull'Autore

Federico Formisano