Calcio Femminile

Calcio Femminile: Vicenza e Chievo finisce 2-2

Scritto da Federico Formisano

Vicenza Chievo 2-2

VICENZA CALCIO FEMMINILE: Dalla Via, Fasoli, Ferrati, Missiaggia (C), Yeboaa, Maddalena, Basso (46’ Dal Bianco), Kastrati, Larocca, Galvan, Cattuzzo (46’ Sossella) A disposizione: Bianchi, Broccoli, Balestro, Bauce, Frighetto, Gobbato, Bonzi All. Cristian Dori

CHIEVO VERONA WOMEN: Pilato, Turnoaia, Martani, Pecchini, Prost, Bonfante, Botti (58’ Carraro), Tardini, Salimbeni (76’ Bertolotti), Zanoletti, Dallagiacoma A disposizione: Magaglini, Mele, Carleschi, Peretti, Ronca, Salaorni All. Moreno Dalla Pozza

Arbitro: Carsenzuola di Legnano Assistenti: Bernasso di Milano e Mezzalira di Varese

Marcatrici: Dallagiacoma al 9’ e al 17’, Kastrati al 23’ e al 52’

Ammonite: Missiaggia (V), Zanoletti e Carraro (C)

Il Vicenza inaugura l’impianto di Tavernelle con un rocambolesco 2 a 2 contro il Chievo. Le Biancorosse, quest’oggi in campo con il lutto al braccio per commemorare lo scomparso Paolo Rossi, hanno sofferto l’iniziale esuberanza delle veronesi, ma sono poi riuscite a riorganizzarsi e a reagire alla grande. Il paltano di Cesena è ormai solo un brutto ricordo, ed entrambe le squadre hanno la possibilità di esprimersi al meglio.

Parte subito fortissimo il Chievo. Primo brivido al 3’, quando su un bel pallone in area, Dallagiacoma fa da torre per il colpo di testa di Botti: Dalla Via para in scioltezza. Dallagiacoma ancora pericolosissima un minuto dopo: su un bel contropiede del Chievo, la numero 29 in progressione arriva a trovarsi a tu per tu con Dalla Via, ma il suo rasoterra finisce fuori.

Al 9’ il gol del Chievo: Dallagiacoma sulla fascia dalla sinistra parte in velocità, guarda al centro ma preferisce esplodere un bolide da fuori, potente e preciso, che non dà scampo a Dalla Via.

Non passano nemmeno dieci minuti, ed al 17’ il raddoppio Gialloblu: Martani, in area, si libera dalla marcatura e mette il pallone sul palo lontano, dove lesta arriva Dallagiacoma ad appoggiare a porta sguarnita.

La partita sembra essere indirizzata verso una goleada del Chievo, quando al 23’ arriva il gol del Vicenza: da un corner battuto da Maddalena, il pallone esce dall’area, ed arriva a Ferrati, che esplode un rasoterra da fuori area. Il pallone arriva sui piedi di Kastrati, che stoppa e da due passi trafigge Pilato.

Il Vicenza cresce, ed inizia a essere pericoloso. Al 31’ Maddalena, su una punizione dal limite, carica un destro potentissimo, che si stampa sul secondo palo. La situazione è ribaltata rispetto ai primi venti minuti: il Vicenza fa il gioco, il Chievo limita i danni. Al 37’ Kastrati recupera un pallone al margine sinistro dell’area, serve Yeboaa, ma la difesa gialloblu è attenta e l’azione sfuma. Al 47’ la solita Dallagiacoma è lanciata in profondità: è bravissima Dalla Via ad uscire con i piedi.

La partita è abbastanza equilibrata, ma le migliori occasioni sono del Chievo: al 50’ Botti, a tu per tu col portiere, non riesce a segnare; nemmeno un minuto dopo, su un cross al centro, Martani, tutta sola, non riesce a indirizzarla di testa nello specchio. Al 52’ però è il Vicenza a passare: bravissima Ferrati in progressione che arriva fino al limite dell’area, vede Kastrati sulla sinistra e la serve. La 10 biancorossa si accentra e lascia partire un rasoterra preciso e potente, che si insacca nell’angolino basso alla sinistra di Pilato.

Al 66’ occasionissima per il Vicenza, quando Ferrati serve Yeboaa in area, che però si perde nei dribbling, e la difesa veronese riesce a recuperare. Al 79’ la grossa occasione è invece del Chievo, ed è della solita Dallagiocoma, che velocissima dalla destra arriva a trovarsi davanti a Dalla Via. Il portiere biancorosso, in uscita, riesce a deviare il suo tiro quel tanto che basta perché sfili di pochissimo fuori dallo specchio. La partita è un continuo ribaltamento di fronte, ma nessuna delle due squadre riesce a trovare il vantaggio. Con la parata di Dalla Via su Carraro, si conclude un match tutto sommato divertente, nel quale entrambe le squadre hanno detto la loro, senza però riuscire a prevalere. Una buona prestazione contro una squadra di categoria, anche se la prossima partita sarà ancora più difficile: le Biancorosse saranno di scena a Roma, domenica prossima, contro la Lazio

 

 

 

Sull'Autore

Federico Formisano