Seconda Categoria

Doppio Crocco in 1′: il Maglio rimonta l’Isola

Scritto da Matteo Parma

Finisce 2-2 la sfida tra Isola Castelnovo e Azzurra Maglio: passano in vantaggio i locali nella prima frazione con Bertacche, poi in avvio di ripresa raddoppia Giordani; al 66’ Rinaldi azzecca il cambio inserendo Crocco, che dopo pochi minuti va a segno per ben due volte, di testa, rimettendo in piedi una gara che sembrava compromessa. Buon punto per Bicego e compagni che restano al comando del Girone F, insieme al Cogollo e al Molina.

 

ISOLA CASTELNOVO [2]: Spiller Francesco, Cecchetto, Scorzato ©, Josic, Finozzi, Pilotto, Bance (77’ Rossetto), Munari (58’ Balzarin), Bertacche (85’ Zaltron), Giordani, Spiller Alessandro (69’ Ahiamadia). A disposizione: Comparin, Casarotto, Pesavento. All. Cattani.

AZZURRA MAGLIO [2]: Fioraso, Peserico (69’ Pretto), Occhiali Pietro (66’ Crocco), Povolo, Randon, Balestro (46’ Cornale), Acclini, Urbani, Bicego © (77’ Zini), Bevilacqua (84’ Bee), Occhiali Lorenzo. A disposizione: Storti. All. Rinaldi.

Arbitro: Strobbe di Schio.

Marcatori: 20’ Bertacche (I), 55’ Giordani (I), 73’ e 74’ Crocco (A).

Ammoniti: 61’ Acclini (A), 79’ Scorzato (I), 82’ Pilotto (I), 87’ Povolo (A).

Note: recupero 0’ PT, 5’ ST; calci d’angolo 4-3 Azzurra Maglio.

 

Padroni di casa in completo bianco, 4-3-3 il modulo scelto da mister Cattani: Josic davanti alla difesa, davanti il tridente Bance-Bertacche-Giordani. Azzurra Maglio che si schiera con un 4-4-2: Acclini e Lorenzo Occhiali sulle corsie laterali, Bevilacqua e capitan Bicego a formare il tandem d’attacco.

Primo quarto d’ora di gioco caratterizzato da un buon ritmo. L’Isola prova a manovrare maggiormente sulla corsia di destra con Bance: proprio il numero sette serve un pallone interessante in area per Giordani, troppo lungo però il servizio per l’ex Montecchio Precalcino. Al 14’ episodio dubbio in area locale: sugli sviluppi una punizione, Balestro impatta di testa da posizione ravvicinata e colpisce un difensore avversario, ospiti che reclamano un tocco di mano ma l’arbitro fa proseguire.

Con il passare dei minuti si intensifica l’attacco dell’Isola, che al 20’ passa in vantaggio: azione insistita di Bertacche che vince una serie di rimpalli e conclude col mancino dal limite, Fioraso tocca ma la palla si infila alle sue spalle. Nei minuti successivi i locali sfiorano il raddoppio prima con Munari al 23’, colpo di testa a lato, poi con Giordani al 26’ che chiude troppo il destro, dopo una bella azione personale sulla sinistra.

Azzurra che torna a farsi vedere dalle parti di Spiller al 28’: Acclini raccoglie al limite un pallone respinto dalla difesa avversaria, sinistro potente ma centrale. Due minuti più tardi viene annullato un gol a Bicego: punizione dalla trequarti di sinistra, l’attaccante controlla e gira col mancino, l’arbitro ferma il gioco per posizione di offside.

Non soddisfatto della prima mezz’ora dei suoi, Rinaldi varia le posizioni di alcuni giocatori: si alza Pietro Occhiali a sinistra, con il gemello Lorenzo che va ad occupare la corsia opposta, mentre Acclini va ad affiancare Urbani in mezzo al campo; dietro Povolo scala al centro della difesa, con Randon terzino sinistro.

Accorgimenti tattici che inizialmente non sembrano giovare agli ospiti, tanto che l’Isola al 32’ va vicina al raddoppio: Bertacche scappa sulla destra, entra in area e fa partire un diagonale che esce non di molto.

Nel finale di tempo tentativi da ambo le parti: al 40’ destro da fuori di Bevilacqua che non inquadra la porta; al 43’ Bance parte in contropiede sulla sinistra, si accentra ma arriva stanco alla conclusione e mette a lato. Nessun minuto di recupero concesso dal direttore di gara, si va al riposo sull’uno a zero in favore dei locali.

All’intervallo arriva la prima sostituzione tra le file degli ospiti: entra Cornale per Balestro, il nuovo entrato va a sistemarsi largo a destra con i gemelli Occhiali che ritornano alle posizioni d’origine. Soddisfatto, invece, del primo tempo dei suoi mister Cattani, che mantiene invariato l’undici iniziale.

Ripresa che vede un’Azzurra più propositiva, in particolar modo con il nuovo entrato Cornale, assai vivace sulla corsia di competenza. Tuttavia, al 55’ i padroni di casa colpiscono per la seconda volta, in contropiede: break sulla trequarti ospite di Bertacche che imbecca Giordani, il dieci taglia da sinistra e si presenta a tu-per-tu con Fioraso, destro ad incrociare e due a zero Isola.

Gara che si mette in discesa per Scorzato e compagni, che sin qui non hanno corso seri pericoli. Gli ospiti provano a prendere in mano il pallino del gioco, ma i loro attacchi puntualmente sbattono sul muro eretto dalla coppia centrale formata da Finozzi e Pilotto.

Al 66’ Rinaldi si gioca la carta Crocco: difesa a tre, con Bevilacqua che va ad agire alle spalle di Bicego e del nuovo entrato. Cambio che si rivelerà azzeccato, dato che nel giro di 1’ il numero diciotto metterà a segno una doppietta a ristabilire la parità. Minuto 73: angolo a rientrare da sinistra di Bevilacqua, colpo di testa di Crocco deviato leggermente da Pilotto, quanto basta per mettere fuori causa Spiller.

Palla al centro, ospiti che recuperano subito il possesso e provano ad attaccare da destra, retroguardia locale mal posizionata e pallone che spiove al centro dove Crocco, sempre di testa, gira sul palo lontano beffando nuovamente il portiere. Incredibile quanto successo, Isola che in sessanta secondi si fa rimontare pagando alle prime disattenzioni difensive; è anche vero che dopo la rete del due a zero i locali hanno abbassato troppo il baricentro, finendo per essere schiacciati dall’Azzurra nella propria metà campo.

Non appagati, gli ospiti continuano ad attaccare e all’80’ vanno vicinissimi alla rete del sorpasso sempre con Crocco, oggi immarcabile nel gioco aereo: ancora su corner di Bevilacqua, sul primo palo l’attaccante gira di testa, Josic si trova sulla traiettoria e si oppone, mantenendo di fatto il risultato sul due a due. Proprio con questo punteggio si conclude l’incontro, dopo cinque minuti di recupero.

Terza giornata di fila per l’Isola senza vittorie, oggi assaporata per buona parte della gara, ma che ha dovuto fare i conti con un Crocco indemoniato, grazie al quale l’Azzurra sale a quota 24. Rimane invariata la classifica del Girone F, con i ragazzi di Rinaldi che continuano a condividere la vetta con l’Alto Astico Cogollo e il Molina, anch’esse fermate sul pari rispettivamente da Malo e Lakota Perlena.

Sull'Autore

Matteo Parma