Seconda Categoria

Brendola, tre punti d’oro

Scritto da Eros

Gonella e Cervellin decidono la battaglia di Zimella. Decisiva l’espulsione al 7′ minuto di Bezzornia per il Boca, meno d’impatto quelle di Destrini e Rezzadore.

BOCA JUNIOR: Pellizzon; Peruzzi; Bezzornia; Nardi (Rezzadore dall’60’); Destrini; Ferrarese; Longo (Cavallon dal 45′); Rossin; Visentin; Bedin; Dall’Omo. A disposizione: Lora; Molinaro; Magnaguagno; Corain; Piccotin. All: Serato.

BRENDOLA: Soldà; Camerra M.; Camerra E.; Bertoldo; Biceal; Crestani (Pasqualotto dal 90′); Cervelin (Macenero dall’89’); Lezzaro; Gonella (Zen E. dal 78′); Mancin (Ventura dal 74′); Castegnaro (Lovato dal 70′). A disposizione: Cracco; Zen T.. All: Sdyelar.

Arbitro: Sig.Cazzavillan.

Marcatori: Gonella al 20′; Cervelin al 46′.

Espulsioni: Bezzorina al 7′; Destrini all’83: Rezzadore all’84.

Ammonizioni: Visentin; Dall’Omo; Crestani.

Note: Domenica nuvolosa con temperature non troppo basse. Presenti più di un’ottantina di tifosi.

Servizio e foto di Eros Ferraretto

Il primo match di questo 2018 per Boca Junior e Brendola significa tante cose, soprattutto rivincita. Dopo un girone d’andata non certo eccezionale le due squadre vogliono ripartire e trovare una salvezza tranquilla, senza bisogno di spareggi e vittorie last minute. Oggi la squadra più affamata sarà sicuramente quella di casa, dato la sconfitta per 2 a 1 dell’andata e la rischiosa posizione in cui si trovano in classifica, fatti che non concedono possibilità di sbagliare.

Parte forte il Brendola che pressa molto gli avversari, andando al tiro al secondo minuto con Mancin che spara alto. Al settimo minuto succede il fatto che cambia la partita, Castegnaro involatosi da solo verso la porta viene atterrato atterrato da dietro da Bezzornia che viene espulso alla prima occasione. Sulla punizione al limite Cervelin sfiora la traversa. Poco più tardi Cervelin conclude al volo, su assist di Camerra M., costringendo Pellizzon ad un grande intervento. Diversi giri di orologio più tardi il solito Cervelin tenta il tiro, ma la palla finisce alta. Il Boca si fa vedere in avanti prima con un gol annullato per off-side, poi quando Soldà è costretto all’intervento fuori area per salvare su un Dall’Omo che stava per involarsi incontrastato verso la porta. Con un Boca in crescita nonostante l’uomo in meno, il Brendola riesce a trovare la via del gol: scatto strepitoso dell’ex Lonigo che pesca Gonella che segna battendo a rete l’ottimo assist in scivolata del compagno. La reazione dei padroni di casa fatica ad arrivare, al contrario il tentato raddoppio degli ospiti è puntuale, però il colpo di testa di Gonella è debole. Al trentacinquesimo Mancin non centra la porta su punizione, così come Lezzaro nel finire del primo tempo.

Le due squadre ritornano negli spogliatoi con l’umore completamente opposto, il Boca è sotto d’un gol e d’un uomo, il Brendola invece sembra avere la strada spianata verso la vittoria. Nonostante tutto gli uomini di Serato sembrano non darsi per vinti e cercare di resistere agli assalti degli avversari.

La ripresa inizia nel peggiore dei modi per il Boca, Cervelin sembra battere una punizione del tutto anonima sulla sinistra, però il suo cross non viene deviato da nessuno sorprendendo così Pellizzon che vede il pallone entrare in rete. Gol del tutto fortunoso per gli ospiti, che sembrano aver ormai il bottino in tasca. Nonostante tutto il Boca non vuole mollare, Peruzzi su punizione ci prova però il pallone finisce alto. Il Brendola torna in avanti con il solito Cervelin, però la sua conclusione non centra la porta, vanificando così l’ottimo lavoro di Mancin sulla destra. Gonella sembra essere il più preciso della propria squadra, ma il suo colpo di testa al cinquantaseiesimo è una facile preda per Pellizzon. Ancora Gonella poco più tardi con un tiro ad incrociare che per poco non entra in porta. Al sessantaseiesimo Visentin calcia non sfrutta nel migliore dei modi una punizione in ottima posizione. Tiro centrale sempre di Visentin un paio di giri di orologio più tardi. All’ottantatreesimo Cazzavillan non prende bene alcune parole di Destrini e decide di allontanarlo dal campo, così come Rezzadore il minuto seguente. Delle scelte molte decise dell’arbitro di giornata, forse un po’ troppo. Nel finale di gara Cavallon colpisce di testa troppo piano per impensierire Soldà e, proprio agli sgoccioli, il neoentrato Pasqualotto sbaglia un rigore in movimento su assist di Ventura.

Il triplice fischio dell’arbitro mette fine ad un match estremamente importante per entrambe le squadra. Ad uscirne sconfitto è il Boca che oltre a restare a secco nella prossima partita, non potrà avere a disposizione ben tre giocatori. A parte il risultato la squadra è riuscita a rimanere unita anche nei momenti di difficoltà maggiore, senza mollare mai. Il Brendola grazie agli odierni tre punti riesce ad uscire dalla zona salvezza, sperando di non dovere più rientrarci. Nel prossimo match i padroni di casa se la vedranno con il Gazzolo, invece gli ospiti affronteranno in casa il Castelgomberto Lux.


Sull'Autore

Eros