Serie C

Gran bella prova del Bassano ma vince il Padova

Scritto da Federico Formisano
 
Bassano Virtus (4-3-2-1): Grandi; Bonetto (dal 87′ Barison), Pasini, Bizzotto, Stevanin; Zonta (dal 65′ Bianchi), Salvi, Proia (dal 74′ Razzitti); Venitucci (dal 65′ Laurenti), Minesso; Diop (dal 65′ Fabbro). (A disp. Costa, Piras, Karkalis, Gashi, Bortot, Tronco). All. Giovanni Colella
Calcio Padova (4-3-3): Bindi; Salviato, Ravanelli, Cappelletti, Contessa; Serena (dal 46′ Mandorlini), Pinzi (dal 46′ Pulzetti), Belingheri; Gliozzi (dal 82′ Russo), Sarno, Guidone (dal 61′ Capello). (A disp. Merelli, Candido, Fabris, Marcandella, Bellemo, Cisco, Zivkov, Lanini). All. Pierpaolo Bisoli
Arbitro: Sig. Proietti di Terni
Marcatori: 48′ Ravanelli (P), 55′ Minesso (B) su rig., 62′ Pulzetti (P)
Ammoniti: Pasini (B), Ravanelli (P), Bizzotto (B), Contessa (P)
Spettatori: 2150 spettatori di cui 645 ospiti
(tabellino dal sito del Bassano)
Colella conferma le impressioni della vigilia e tiene Razzitti in panchina schierando la squadra ad albero di Natale con Diop terminale offensivo, Venitucci e Minesso come guastatori.
Bisoli schiera Guidone e Gliozzi di punta con Sarno uomo dell’ultimo passaggio
Parte bene il Bassano che già dopo un minuto va al tiro con Diop ma Bindi respinge.  Nel primo tempo il Bassano sembra più carico e ci prova con Proia, Zonta, Venitucci con conclusioni a lato, seppur quasi tutte di poco.
34′ Ammonito Ravanelli per un fallo da dietro su Minesso, al limite dell’area. Bello il colpo di testa di Proia poco dopo la mezzora con palla alta sopra la traversa. L’ultima azione del primo tempo è ancora giallorossa con Minesso ma Bindi devia la sfera. Che Bisoli non sia contento della gara dei suoi lo si intuisce dai due cambi immediati con Mandorlini e Pulzetti al posto di Serena e Pinzi. Non è merito del mister però se il Padova dopo 3′ passa: punizione di Sarno deviata da Grandi, Guidone raccoglie la sfera e mette in mezzo dove Ravanelli insacca.
Passano solo 6′ ed il Bassano agguanta il pari: Bindi atterra Diop in area e viene ammonito; Minesso trasforma riportando le squadre in parità. Che il Bassano non sia quello del primo tempo lo si intuisce però al 62′ quando Capello (appena entrato in campo) serve Pulzetti che con un diagonale rasoterra riporta in vantaggio i biancoscudati. La botta è dura da mandare giù e per poco il Padova non va sul doppio vantaggio con Ravanelli, ma Grandi è bravo a respingere per due volte sulle conclusioni dell’esterno.  Colella opera tre cambi in simultanea e la squadra si scuote con Minesso che prima si incunea in area  e mette palla in mezzo dove però non arrivano i compagni, poi entra in area dopo aver superato un paio di avversari e prova la conclusione, ma la palla si spegne a fil di palo
Non si può dire che il Bassano non ci abbia provato, nel secondo tempo però il Padova è apparso più cinico e ha realizzato le occasioni che gli sono capitate.
Il Bassano rimane terzo con 40 punti.

Sull'Autore

Federico Formisano